Parvenze

di Antonio Prete

 

Paiono venature di una foglia

oppure veli di nuvole in fuga

quelle che furono figure di un amore,

mentre gli inverni lavavano le strade

e il lento crepitio delle domeniche

incendiava i calendari.

Corpi leggeri, ora hanno il passo dolce

delle parvenze che dileguando

mandano un loro profumo :

in quell’ essenza fluttuante traluce,

insieme, il fiore della vita

e la sua immedicabile ferita.

Ma è davvero incenerita quella che fu

febbre di abbracci, ebbrezza di calda

prossimità?

Forse volteggia ancora,

invisibile stilla,

là dove nuovi amori aprono i petali,

forse è infinitesima favilla

di quell’ardore che muove in mezzo agli astri

questa sperduta terra.

Questa voce è stata pubblicata in Poesia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *