Don Boscu

di Franco Melissano

.

Ffiate me pija comu nostargia

te quiddhi tiempi te cusì luntani

quandu piccinnu a lli Salessiani

scjocava finca lluce se vitìa.

Mpena me nchiana quiddha fantasia

me ttacca core, mente, peti e mani,

e fuscju all’Oratoriu: simu strani!

Ddhai me sentu sempre a ccasa mia.

E quandu torna quiddhu tiempu ddhai?

Senza pinzieri, chinu te llusioni,

comu acqua te lu mare senza bbentu;

la nfanzia me vulau comu jentu,

nu sonnu duce, leggiu, te vagnoni,

staggione beddha ca nun scordu mai.

Don Bosco. A volte mi prende una specie di nostalgia/di quei tempi così lontani/quando da piccolo ai Salesiani/ giocavo finchè luce si vedeva.// Appena mi viene quella fantasia/ mi lega cuore, mente, piedi e mani,/ e corro all’Oratorio: siamo strani!/ Lì mi sento sempre a casa mia.// E quando torna quel tempo di una volta?/ Spensierato, pieno di illusioni,/ mai fermo come l’acqua del mare;// l’infanzia mi volò via come il vento,/ un sogno dolce, leggero, da bambini,/ stagione bella che non scordo mai. 

[in A ccore pertu (2012-2013), Poesie, Ed. Del Grifo, Lecce 2013]

Questa voce è stata pubblicata in Poesia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *