Immagine di un Direttore

Questa consapevolezza che anche nel piccolo si può fare ottimo giornalismo, anche eccellente, credo possa essere il messaggio che ha lasciato Rossano Marra, dopo aver fatto parte de “Il Galatino”, quindicinale della città di Galatina, il più antico periodico salentino in attività (dal 1968), prima come aiuto e poi, per lunghi anni, come direttore: una dedizione lunga 45 anni. Aveva deciso di lasciare il giornale con il concludersi del 2019. Il giornale stesso avrebbe cambiato proprietà e Rossano Marra, in prima persona, portava avanti le trattative con un desiderio di continuità per il giornale. Un infarto letale l’ha portato via nella notte del 6 gennaio 2020, all’età di 67 anni.

«Il Galatino è stato sempre uno stimolo per le varie amministrazioni, mai megafono a favore o contro», sosteneva Rossano Marra, e ritengo che così sia stato, almeno per il periodo della sua direzione.

Originario di Galatina ma magliese d’adozione, Rossano Marra era stato segretario del comune di Maglie. Come dirigente del settore economico-finanziario, aveva seguito il succedersi di otto amministrazioni, osservando, in maniera privilegiata la crescita e l’evoluzione della città di Maglie. In anni ormai lontani era stato segretario cittadino della DC e aveva partecipato attivamente all’Azione Cattolica.

Alla fine del 2012, quando andò in pensione, disse: «Avendo del tempo libero, ora mi dedicherò con più impegno alla direzione del giornale cittadino galatinese e riprenderò a viaggiare, una passione che, per forza di cose, ho un tantino trascurato». Inoltre, continuava a impegnarsi nella conduzione della società galatinese di pallavolo, la Showy Boys, che aveva contribuito a fondare. Con la sua scomparsa, lascia nei suoi concittadini, quelli galatinesi e quelli magliesi, un ricordo profondo di serietà, di dignità, di rispetto, di passione.

[“Nuovo Quotidiano di Puglia” di mercoledì 8 gennaio 2020]

Questa voce è stata pubblicata in Necrologi, Commemorazioni e Ricordi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *