Una nuova guerra mondiale: la pandemia

di Gianluca Virgilio

Pare che la Cina abbia vinto la sua guerra contro il Covid 19. In realtà, chi ha vinto questo virus? Un potere assoluto, un potere smisurato e incontrastabile. Abbiamo visto in TV un apparato organizzativo senza eguali, in grado di bloccare megalopoli di decine di milioni di abitanti. Donne rimproverate dagli altoparlanti dei droni, giovani malmenati perché irrispettosi della quarantena, pulizie meticolose di tutti i luoghi pubblici, strade deserte, ecc.; insomma, un controllo statale ineludibile ed efficacissimo.

 I cinesi sembrano dirci: voi occidentali, fareste bene a imparare la lezione. Solo un potere assoluto come il nostro può avere la meglio su di un virus. Se volete vincere la guerra è bene che i vostri cittadini vi si rassegnino.

Nel mondo intero è in atto un grande esperimento socio-politico. Nel tempo della globalizzazione, l’umanità fa la prova generale di un più pervasivo dominio dell’uomo sull’uomo. Il senso di questo esperimento globale è infatti il seguente: se per rafforzare e rendere assoluto il potere può essere utile una pandemia, perché non cogliere l’occasione offerta dal virus incurabile piuttosto che, come si è sempre fatto in passato, intraprendere una guerra sanguinosa? Infatti, gli orrori della guerra sono invisi a tutti e rendono inviso il potere di chi li provoca, mentre un potere immenso e assoluto che ci difenda da un virus letale, che ci faccia vivere in sicurezza, sia pure al prezzo della libertà, è un potere ben accetto. Chi ci salva per noi è un dio, un salvatore (σωτήρ (sōtr)!

Non c’è nessun complotto in tutto questo, nessuna volontà criminale che mette in atto un piano ai danni degli altri uomini. Siamo in presenza di una normale evoluzione della natura umana, che va sperimentando un potere assoluto, assecondando il corso degli eventi biologici che la coinvolgono.

Tutto il mondo, dunque, è coinvolto nella guerra contro il virus. E che si tratti di una guerra, non c’è bisogno di dimostrarlo, perché i governanti di tutti i Paesi usano precisamente questa parola per designare l’attuale stato d’eccezione.

Questa voce è stata pubblicata in Geopolitica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Una nuova guerra mondiale: la pandemia

  1. Annie Gamet scrive:

    Cher Gianluca,
    Au regard de ce qui se passe en France et autour de nous, je ne peux malheureusement qu’être d’accord avec tout ce qui est écrit ici.
    Merci pour cette analyse remarquable, très pertinente et d’une grande lucidité.
    Bien amicalement. Annie Gamet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *