La tua voce

di Antonio Prete


Pablo Picasso, Acrobata e giovane equilibrista, 1905,
147 x 95 cm, Museo Pušhkin delle belle arti, Mosca.

Spento il barbaglio della polvere sulla strada bianca.

Il volo della rondine affonda nell’ombra.

Come la luna, la tua voce naviga sugli ulivi.

.

La persiana è aperta nel buio.        

.

Come la luna, la tua voce naviga sull’acquascura,

giunge fino a questo istante

che trema nel vuoto

come un acrobata.

.

Salva dalla vertigine, il ricordo.

Questa voce è stata pubblicata in Menhir di Antonio Prete, Poesia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *