Un libro per l’estate 9. “Inviti superflui” di Dino Buzzati e il senso del ritorno

di Adele Errico

Si può vivere tutta una vita in un racconto? E in quella vita, tutte le stagioni, e la gioia e il dolore di una storia d’amore, e l’incanto e la malinconia di una felicità lontana?

Se quel racconto è “Inviti superflui” di Dino Buzzati, si può.  

“Inviti superflui” – che fa parte della raccolta “Sessanta racconti” – ha la consistenza di un sogno. Un sogno che comincia una sera d’ inverno e termina in autunno.  Si muovono, leggeri, due cuori attraverso un inverno di “strade buie e gelate”, e si fermano poi per battere, l’uno vicino all’altro, nel tepore di una stanza, dietro i vetri, a immaginare una felicità che è delle fiabe e solo alle fiabe può appartenere e a sentire palpitare “per la prima volta pazzi e teneri desideri”.

Impazzano poi, questi cuori, in un giorno uggioso di primavera “col cielo di color grigio e ancora qualche vecchia foglia dell’anno prima trascinata per le strade dal vento” per poi perdersi, di domenica, tra quartieri di periferia.  Da questo amore, vissuto per tutta una vita e nell’arco di un racconto, nascono “speranze che non si sanno dire” e in esso risuonano le “cose insensate, stupide e care” che dicono gli innamorati.

Questa voce è stata pubblicata in Letteratura, Un libro per l'estate di Adele Errico e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *