Archivi categoria: Prosa

Voltarsi, perderti, per vivere ancora. Euridice di Roberto Vecchioni

di Adele Errico Con furia e dolcezza nella voce, canterà finché non avrà più fiato in gola. Canterà per un’umanità che insegue la vita pur consapevole che non si può trattenerla, per creature mortali che, destinate a diventare barlumi di … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa, Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

La bellezza dell’arte popolare nei nostri paesi

di Antonio Errico Una città del Salento. Non grande, non piccola. Una media città. Un paese che d’inverno è soltanto paese e che nei giorni d’estate, di festa, di ponte, diventa città d’arte e vacanza. La gente va e viene … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Il Vangelo e i nostri piccoli miracoli

di Antonio Errico Racconta Matteo nel suo Vangelo che, passato il sabato, all’alba del primo giorno della settimana, Maria di Màgdala e l’altra Maria andarono a visitare il sepolcro. All’improvviso sentirono un terremoto e subito dopo un angelo del Signore, … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Comprendiamo il presente solo conoscendo l’antico

di Antonio Errico In una lettera del 5 gennaio 1871 indirizzata a Francesco Florimo, Giuseppe Verdi scriveva: torniamo all’antico e sarà un progresso. Antico è quello che è venuto prima e che ha lasciato traccia, resistendo all’infuriare del tempo, all’erosione … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Che bel popolo gli Italieni!

di Paolo Vincenti Italiani forever La sindrome di San Matteo. Il Pd ha subito una sonora sconfitta alle scorse elezioni, e questa ormai è storia. Il brutto the day after del partito lo vede ridotto ai minimi termini. “Renzi uccide … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La letteratura salentina in cerca di nuovi linguaggi

di Antonio Errico Per quanto è stato breve – fugace – il Novecento, o per quanto è stato lungo (interminabile, si è anche detto), la letteratura del Salento lo ha attraversato confrontandosi con le sue storie complesse, complicate, con i … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Solo sensibilità e intelligenza sconfiggono le sirene virtuali

di Antonio Errico Le Sirene di Omero promettevano conoscenza. Nella traduzione di Rosa Calzecchi Onesti, che personalmente preferisco, ai versi 184- 189 del libro dodicesimo dell’Odissea dicono così: “Qui, presto, vieni, o glorioso Odisseo, grande vanto degli Achei,/ferma la nave, … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La terra si salva soltanto con il rispetto di tutti

di Antonio Errico Guardate fuori dalla finestra, disse il maestro una mattina, una di quelle mattine di scuola che sembrano immobili e che invece passano più in fretta di cavalli sbrigliati sulla pianura. Guardate gli alberi di ulivo, guardate lontano, … Continua a leggere

Pubblicato in Ecologia, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Il candore della pietra leccese

di Augusto Benemeglio “Nulla si edifica sulla pietra, tutto sulla sabbia, ma noi dobbiamo edificare come se la sabbia fosse pietra”. Borges si commuove per il destino dell’uomo sperduto nell’irrealtà dell’universo. Nel mar glaciale della negatività che ci circonda, ci … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La letteratura può salvarci da apparenza e indifferenza

di Antonio Errico La letteratura serve a poco, serve sempre di meno, forse non serve più a niente. Non sappiamo che farcene dei profili di esistenza, delle configurazioni di destini, delle storie profonde, complesse, degli interrogativi, dei dubbi, dei ragionamenti … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa, Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento