Archivi tag: Luigi Scorrano

Il “Convivio” di Dante: un banchetto di scienza e sapienza

di Luigi Scorrano Che cosa è il Convivio? Le comuni reminiscenze scolastiche, davanti ad una domanda come questa, danno una risposta allarmante: il   Convivio è un’opera “dottrinale”. Non ci allarma il titolo dell’opera, assai invitante, ma quell’aggettivo, dottrinale, che calpesta la bella immagine del … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Dante nella letteratura del Novecento

di Luigi Scorrano Parlando di Dante nel Novecento è necessario precisare e limitare: esploro qui la presenza di Dante nella letteratura italiana del Novecento soffermandomi solo su qualche esempio. L’argomento, poco o per niente trattato dalla critica nella prima metà … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Tetralogia minimalista galatinese

di Luigi Scorrano Quattro piccoli libri, che vanno letti “in ordine di apparizione” oppure lasciando al caso la facoltà di decidere per il lettore, attaccandoli da un punto qualsiasi, dal primo capitolo che si offra all’occhio ad apertura di pagine. … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

I rimasti

di Luigi Scorrano Finito di percorrere un lungo corridoio, l’uomo si ferma davanti ad una porta aperta: un varco da un vuoto ad un altro vuoto. Quest’immagine gli attraversa la mente quando spinge lo sguardo nel vano intravisto di un … Continua a leggere

Pubblicato in I mille e un racconto | Contrassegnato | Lascia un commento

Italo Calvino, un autore in veste di lettore

di Luigi Scorrano Calvino lettore di classici Ricordo che nel 1995 l’amico bibliotecario Salvatore Matteo m’invitò, a Cutrofiano, a commentare un’opera di Italo Calvino, un romanzo che aveva suscitato molto interesse, Se una notte d’inverno un viaggiatore. Quel romanzo aveva protagonisti un … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Cesare Giulio Viola e un discorso su Luigi Pirandello

di Luigi Scorrano Non si può dire che ci fosse amicizia tra due uomini di teatro (e anche poeti e narratori) come Luigi Pirandello e Cesare Giulio Viola. Non c’era amicizia nel senso proprio del termine; conoscenza, e una certa … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Luigi Pirandello, un autore in veste di lettore

di Luigi Scorrano Delle pagine saggistiche di Luigi Pirandello[1] una parte notevole è occupata da recensioni ad opere di autori suoi contemporanei o, almeno, vicini nel tempo: Capuana, Fogazzaro, D’Annunzio, De Roberto, Domenico Gnoli, Ugo Ojetti, Ada Negri e molti altri. … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Dantisti salentini

di Luigi Scorrano In un saggio del 1965, intitolato Correnti letterarie e studiosi di Dante in Puglia, così esordiva Aldo Vallone: “Ad apertura della sua conferenza Dante e la Puglia, tenuta nel Palazzo Comunale di Bari il 25 aprile 1900, … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Beatrice

di Luigi Scorrano Beatrice nell’opera di Dante, dalla Vita Nuova alla Commedia, è creatura poetica della distanza. Questa distanza attiva la tensione del poeta verso traguardi sempre più alti fino a quello, definitivo, della visio Dei. Donna amata, fantasma materno, severa interprete del giudizio … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Un’idea di città 1. Luigi Scorrano

di Luigi Scorrano Tutti abbiamo sognato una città che fosse talmente ‘nostra’ da farla identificare immediatamente con noi da chiunque la vedesse anche per la prima volta. È una fantasia che ha potuto possederci interamente o solo sfiorarci per qualche … Continua a leggere

Pubblicato in Politica, Prosa, Un'idea di città | Contrassegnato | Lascia un commento