Archivi categoria: Prosa

Federico Fellini  e le cicale  di Palmariggi

di Augusto Benemeglio Negli anni sessanta Federico Fellini fu invitato a Gallipoli, presso il Lido San Giovanni, dove c’era un psicologo dell’immaginale di valore assoluto come Dario Caggia, che avrebbe voluto conoscere.  Si sapeva che Fellini era un patito della … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Di una civiltà rimane la bellezza senza tempo

di Antonio Errico Disse una volta Eugenio Montale che la cultura è quello che rimane nell’uomo quando ha dimenticato tutto quello che ha appreso. Forse si potrebbe pensare che quello che diceva Montale possa valere sia per un uomo che … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La rinascita dalle macerie di una civiltà

di  Antonio  Errico Se una civiltà crolla, che cosa accade, chiede Paolo Conti a Andrea Carandini nel corso di  un’intervista sul “Corriere della sera”. Carandini, ottant’anni, professore di Storia dell’arte greca e romana, risponde così: si torna indietro nella Storia. … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Senza storia e senza cultura siamo soggetti privi di identità

di Antonio Errico Procedendo per nuclei semantici, per interdipendenza di concetti, per delineazione di scenari, nell’editoriale di domenica scorsa, il direttore di “Nuovo Quotidiano di Puglia”, Claudio Scamardella, arriva ad un punto in cui dice che la cultura appare di … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Estate salentina 2018: un bilancio critico

di Gigi Montonato Diciamocelo francamente, a prescindere se quel che diciamo sia politicamente corretto o scorretto, conveniente o sconveniente. Mettiamo da parte una volta gli infingimenti e le ipocrisie. A noi salentini le torme di turisti che invadono i nostri … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Settembre, andiamo …

di Luigi Scorrano Alunni di tempi remoti imparavano a memoria questo testo poetico, ben degno di essere memorizzato. Non vi scoprivano l’amara dolcezza che sosteneva la musica di quelle parole così sapientemente inanellate nella collana che ne faceva un prezioso … Continua a leggere

Pubblicato in Divagazioni di Luigi Scorrano, Prosa, Scolastica | Contrassegnato | Lascia un commento

Meglio e peggio, la distinzione che fa la differenza

di Antonio Errico Una volta, quand’era il giorno della fiera, arrivavano nei paesi i venditori di piatti chicchere bicchieri. Si mettevano con i camioncini lungo il lato della piazza, e richiamavano la gente sbattendo piatti e chicchere e bicchieri uno … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Essere genovesi

di Ferdinando Boero Che significa essere genovesi? Direi che è come essere nisseni, oppure cagliaritani. Tutti siamo legati, in Italia, alla frazione di paese in cui siamo nati. Basta andare poco più in là e già le persone sono “diverse”. … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Inquieti e spaventati, così le paure ci nascondono le bellezze

di Antonio Errico Abbiamo tutti paura. Abbiamo tutti una paura stravolgente. Al principio della sua Ultima lezione, Zigmunt Bauman si domanda per quale motivo oggi siamo tutti così inquieti, perché si fanno così tante oscure premonizioni su quello che ci … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

I torti e le ragioni dei lodatori del tempo passato

di Antonio Errico Erano in tre seduti sulla panchina di una piazza di paese solitaria, sotto una luna bianca che ritagliava le forme da strabilio di una facciata barocca. Avevano quell’età che avanza rapidamente, quella in cui i ricordi lontani … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento