Archivi tag: Francesco D’Andria

Akra Marias, il promontorio di Maria

di Francesco D’Andria Si è concluso nei giorni scorsi, a Leuca, un importante Incontro di studio dedicato ai cammini di pellegrinaggio che legano il Finisterre di S. Giacomo di Compostella, nella regione posta di fronte all’immensità dell’Atlantico, a Santa Maria … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

Troiani di Puglia

di Francesco D’Andria Un ridente paese della Puglia settentrionale, celebre per la sua splendida cattedrale romanica, porta l’impegnativo nome della più famosa città del mondo antico, cantata da Omero. Troia è anche la patria di Antonio Salandra, Presidente del Consiglio … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

Presentazione a Dimitris Roubis, Archeologia dei paesaggi a Montescaglioso

di Francesco D’Andria Vi sculse poscia un morbido maggese Spazïoso, ubertoso e che tre volte Del vomero la piaga avea sentito. Molti aratori lo venían solcando E sotto il giogo in questa parte e in quella, Stimolando i giovenchi. Iliade, … Continua a leggere

Pubblicato in Anticipazioni, Avvertenze, Introduzioni, Prefazioni, Premesse, Postfazioni,, Archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

Le passeggiate archeologiche di Giuliano Volpe

di Francesco D’Andria In modo assai tempestivo Edipuglia pubblica in questi giorni il volumetto di Giuliano Volpe dal titolo Passeggiate archeologiche. Nuove proposte per conoscere siti e storie della Puglia, agile sia per il formato tascabile che per il linguaggio, … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia, Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Un eroe bizantino per Castro

di Francesco D’Andria Ormai, specie dopo il riconoscimento della rotta di Enea da parte del Consiglio d’Europa, molti conoscono Castro per la scoperta del santuario di Atena, che ha reso concreta la descrizione, nell’Eneide, di questo luogo sulla costa salentina, … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

A S. Cataldo non c’era il molo di Adriano, ma il Porto di Lecce: Portus Lupiarum!

di Francesco D’Andria Fa rabbia pensare che, dopo tanti mesi, ancora la scritta campeggia sul muro del cosiddetto Molo di Adriano; una scritta che è anche la firma del graffitaro, ben noto in certi ambienti del capoluogo salentino, che ha … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

Dall’anfiteatro di Taranto al Progetto AnfiTar

di Francesco D’Andria E’ lecito, a questo punto, l’auspicio che, nei tempi più rapidi, sia possibile incontrare il Sindaco, gli amministratori della nostra città e della Regione, la Soprintendente, per presentare loro una bozza del Progetto che, insieme a Grazia … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

Taranto, l’Anfiteatro e l’Archeologia Preventiva

di Francesco D’Andria Confesso di non aver previsto che, dopo il mio intervento sull’Anfiteatro di Taranto, tanti autorevoli studiosi avrebbero ripreso il tema, personalità che da anni si misurano con l’enorme ricchezza di storia e di archeologia della città bimare, … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

Riportiamo alla luce l’anfiteatro di Taranto

di Francesco D’Andria Nella recente pubblicazione sulla Mostra “Mitomania”, organizzato dal MaRTA, Luca Di Franco dedica un interessante contributo a Monsignor Capece Latro, arcivescovo di Taranto, figura notevole di ecclesiastico antiborbonico, aperto al vento dell’Illuminismo, il quale, alla fine del … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia | Contrassegnato | Lascia un commento

L’Istituto per la regolazione degli orologi e il Museo di Orhan Pamuk

di Francesco D’Andria Una grande pendola, tenuta in evidenza nella casa di Istanbul, aveva accompagnato con i suoi rintocchi tutta l’infanzia e l’adolescenza di Hayri İrdal, e ne aveva condizionato la sua passione per gli orologi. Il romanzo di Ahmet … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento