Archivi tag: Antonio Prete

Taccuino estivo 3. Salento

di Antonio Prete Quinto Ennio, il poeta latino che primo usò il verso esametro, diceva di possedere tre anime (“tria corda”): una greca, una romana, una osca. Il poeta degli Annales era nato a Rudiae, oggi parco archeologico a tre chilometri da … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La lettura

di Antonio Prete La tovaglia a losanghe blu e rosa copre il tavolo della cucina, la lampada a petrolio oscilla al vento che entra dalla finestra, che entra con la voce dei grilli, “vieni a dormire”, dall’altra stanza la voce … Continua a leggere

Pubblicato in Menhir di Antonio Prete, Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Taccuino estivo 2. Copertino

di Antonio Prete Dietro il Castello di Copertino – un bastione angioino sorto intorno a una precedente torre sveva e a sua volta circondato da una severa fortezza cinquecentesca, con fossato e pontile – si apre la via che porta … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Taccuino estivo 1. Heidelberg

di Antonio Prete A Heidelberg, di là dal vecchio ponte sul Neckar, una funicolare porta in alto, ai piedi del grande Castello, poi prosegue più oltre, fino al Königstuhl, che è una collina fitta di conifere e querce. Dal belvedere … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Racconti del pianeta Terra

di Antonio Prete “Ma ora che ei sono tutti spariti, la terra non sente che le manchi nulla…”: è il Folletto che in una delle leopardiane Operette morali, replicando allo Gnomo, sottolinea la ritrovata autonomia del pianeta Terra, dopo la sparizione … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Armonia

di Antonio Prete Sta l’istante nella trama del tempo, nel cuore di quella luce che accoglie il prima  e il dopo e custodisce il ricordo e il presagio, poi che accorda presenza e sparizione con il suono dell’onda temporale che … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Se la pietra fiorisce di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

Torre sveva

di Antonio Prete Visita dell’aurora Qui è la torre sveva, cinta dal castello con il fico sugli spalti, gli ulivi in basso che vanno verso il mare. Erbe sulle mura. . E le stagioni che  disfano in parvenze l’ accaduto.  … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Tutto è sempre ora di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

L’ora di Compieta

di Antonio Prete                       Now, as desire and the things desired                      Cease to require attention                       …                       ( W.H.Auden,  Horae Canonicae ) Ora che il desiderio abbassa la vela, e viene con un tepore di piume la sera, … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Se la pietra fiorisce di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

Giugno, tramonto

di Antonio Prete Brusio di vento nell’ultimo lampo del giorno e inquieto sfronzio di ramaglia. Riluce l’onda gialla delle spighe. Si disfano i papaveri ai piedi della  ginestra già schiusa. Nel roseto una trama di verbasco. . L’odor di lolla … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Tutto è sempre ora di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

Del fiorire

di Antonio Prete Si gonfiano le siepi. Alti tappeti d’erba cancellano i sentieri.                               Giugno chiama all’ultimo impeto di fioritura. . Ma la ginestra sul ciglio si spoglia del suo giallo. Si sfiammano le corolle nel roseto, dissipano il velluto … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Se la pietra fiorisce di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

Costantino Kavafis, Se per Itaca volgi il tuo viaggio

Σὰ βγεῖς στὸν πηγαιμὸ γιὰ τὴν Ἰθάκη di Antonio Prete È il primo verso di una delle più note poesie di Costantino Kavafis (qui la riporto nella traduzione classica di Filippo Maria Pontani). Un verso allocutorio, rivolto al lettore: il tu della … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Scritti critici di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

Flatus vocis di Corrado Bologna. Per una poetica della voce

di Antonio Prete Flatus vocis di Corrado Bologna (con il sottotitolo Metafisica e antropologia della voce e con prefazione di Paul Zumthor, Luca Sossella editore 2022) è un libro preziosissimo. Perché mostra e interpreta con mirabile misura e chiarezza il … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

L’attesa

di Antonio Prete Quella bandiera di luce che trema ancora sopra gli alberi lambendo nuvole già disfatte nel blu, quella strada scortata da cipressi fino all’erta, e tutti quegli uccelli in volo sopra l’onda brunita dell’arato, insieme attendono che l’invisibile … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Tutto è sempre ora di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

Di alcune parole stravolte in tempo di guerra

di Antonio Prete Pace. Una parola che, adoperata dalla mia generazione e da quella successiva come segnavia per un cammino, per un orientamento nel cammino, appare ora desueta o è trascinata verso significati impropri o è persino irrisa. Dinanzi alla guerra … Continua a leggere

Pubblicato in Linguistica, Scritti critici di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

Raccoglimento

di Antonio Prete E  questo desiderio che si libra talvolta come acrobata stellato di rosso e di turchino o come angelo dalle dita sottili di vento, questa scheggia luminosa che s’insinua tra angustia e finitudine, non sai se è sogno … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Se la pietra fiorisce di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

L’assente

di Antonio Prete Invisibile, stai nella tua luce, sei luce, senza inizio, senza fine. . Guardi la tua assenza, guardi te che sei l’assenza.                             Sprofondi nel vuoto dove la tua forma, indecifrabile, è  vuoto d’ombra. . In quel vuoto … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Tutto è sempre ora di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

La notizia

di Antonio Prete Quell’abbaglio nell’aria, il treno era fermo nella piana di Cerignola, il maggio rotolava di là dai finestrini, mia madre era morta all’alba, ed era accanto a me nel corridoio, era nell’angolo delle sue rose, sulla strada tra … Continua a leggere

Pubblicato in Menhir di Antonio Prete, Poesia, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La tua voce

di Antonio Prete Spento il barbaglio della polvere sulla strada bianca. Il volo della rondine affonda nell’ombra. Come la luna, la tua voce naviga sugli ulivi. . La persiana è aperta nel buio.         . Come la luna, la tua voce … Continua a leggere

Pubblicato in Menhir di Antonio Prete, Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Nelle Crete

di Antonio Prete L’onda di terra e di pensosa dolcezza che dalla città di pietra e di gridati vessilli s’allontana verso  balze di castagni, verso sperduti torrioni, sventagliandosi in poggi e in sentieri, ha venti che la carezzano nelle ferite … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Se la pietra fiorisce di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento

A un gatto

di Antonio Prete C’è una vertigine della quiete nella tua indifferenza. Con occhi d’agata screziata fissi il pulviscolo di luce. . Il  tuo silenzio è una lavagna di eleganti geroglifici. Se carezzo il tuo velluto sei tu a guidare la … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia, Tutto è sempre ora di Antonio Prete | Contrassegnato | Lascia un commento