Archivi autore: wp_2601243

Enfance salentine 6. Vacances à Leuca 3

di Gianluca Virgilio Interruption temporaire des vacances Peu après la mi-août, nous retournions à Galatina, comme pour nous assurer que le lieu que nous avions quitté était toujours là, en attente de notre retour définitif à la fin du mois. … Continua a leggere

Pubblicato in Enfance salentine di Gianluca Virgilio, I mille e un racconto | Contrassegnato | Lascia un commento

Un gelato dopo Ferragosto

di Luigi Scorrano Ferragosto è passato, le vacanze sono finite. Come abbiamo impiegato il nostro tempo? La frenesia della vacanza è talmente assorbente da non preparare spazi a postumi esami di coscienza, ad analisi sui nostri sentimenti e sui nostri … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La cosa pubblica è una cosa bellissima!

di Ferdinando Boero Quando iniziarono le privatizzazioni delle imprese pubbliche feci una domanda a chi “se ne intende”: se un privato compra una cosa pubblica allora pensa di guadagnarci, no? Perché, invece, non ci guadagna il pubblico? La risposta era: … Continua a leggere

Pubblicato in Ecologia, Economia | Contrassegnato | Lascia un commento

La letteratura italiana del Novecento secondo Cesare Segre

di Antonio Lucio Giannone A poco più di un anno dalla fine del secolo (e del millennio), si cominciano a fare i primi bilanci e a tracciare panorami del Novecento nei più diversi settori. Queste operazioni comportano notevoli rischi, perché … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Nello Sisinni, l’uomo e l’artista, nei suoi “frammenti riscoperti”

di Gigi Montonato Nello Sisinni continua alla non più verde età ad essere un irrequieto, uno che è sempre alla ricerca di se stesso. Continua a lavorar di colori e di creta, di linee rette e curve, in uno stile … Continua a leggere

Pubblicato in Arte | Contrassegnato | Lascia un commento

Marina

di Antonio Prete Il tempo, sulla riva, è selce, è alga, orlo d’anfora, scheggia di conchiglia, frammento d’osso, polvere di vita, vento d’onda che fruga nello scoglio, è quieta ombra che plana sulla sabbia. Lontano, il lampo d’una cresta in … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

La Lecce che amavo saccheggiata dalla folla anonima

di Antonio Errico Ho amato una città, per quarant’anni. L’ho amata fino a poco tempo fa, fino ai primi giorni di luglio che è passato, fino a quando una sera non l’ho vista invasa, saccheggiata da una folla senza meraviglia, … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Di mestiere faccio il linguista 31. Le regole del congiuntivo

di Rosario Coluccia  Partiamo da una voce del Disc. Dizionario Italiano Sabatini Coletti: modo congiuntivo agg. ‘esprime un’azione o uno stato non come reali ma come possibili, supposti, temuti, desiderati […]; s.m’. E ora quella omologa del Dizionario della lingua … Continua a leggere

Pubblicato in Di mestiere faccio il linguista (nuova serie), Linguistica | Contrassegnato | Lascia un commento

Claudia Mesar-lì

di Maurizio Nocera Soli siamo ora,soli e soli terribilmentenella rete del ragno che ci morde,dentro l’orizzonte di sangue raggrumatodi un cielo a lutto vestito.Nottule disperate la testa divorano.Sorpresi e con gli occhi del marepiogge d’autunno attendiamocostretti nella morsa di orribili … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

«L’odio spezzato» di Simonetta D’Urso

di Gigi Montonato Il racconto perfetto, se e quando esiste, si basa sull’equilibrio di scrittura e storia, posto che non c’è romanzo senza una storia. Non sembri pleonastico ricordarlo, oggi circolano tanti “romanzi” e così poche storie. Quando prevale la … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento