Archivi tag: Antonio Devicienti

Opus tessellatum 1. La scacchiera dell’essere

di Antonio Devicienti (parla la creatura che regge sulla testa la scacchiera) «Chi adesso scrivendo mi dà la parola lo ricordo bambino entrare in questo grande spazio figurato, camminare su questo tappeto di mosaico e, nella fascinazione del suo non … Continua a leggere

Pubblicato in I mille e un racconto | Contrassegnato | Lascia un commento

Breve saggio sugli androni

di Antonio Devicienti L’androne è il luogo di transizione tra la strada (pubblica) e gli ambienti (privati) di un edificio; può esservi presente o meno un portone ed eventualmente una cancellata: l’androne è luogo complesso che possiede la virtù pratica … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Il dialogo e il silenzio

di Antonio Devicienti Carte d’amore (Bollati Boringhieri, Torino 2022) di Antonio Prete, come già i precedenti, è libro da centellinare pagina dopo pagina, ricchissimo di suggestioni e rimandi, perfettamente coerente con quello che mi appare l’universo umano, poetico ed ermeneutico … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

I ponti di Parigi

di Antonio Devicienti Sto guardando Parigi, la città sul fiume, dall’ampio terrazzo dell’Institut du Monde Arabe. La facciata dell’edificio, bianco ricamo che ricorda le finestre di merletto di Sana’a e i manoscritti arabi medievali, s’innalza alle mie spalle in dialogo … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La poesia e lo sguardo (breve saggio in omaggio all’opera di Franco Piavoli)

di Antonio Devicienti Si può partire dagli assunti che la poesia esista già di per sé e che debba essere lo sguardo a rendersi capace di vederla; ch’essa si generi dai cicli della natura, dal costituirsi e dal divenire dei … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Tre sguardi ghirriani (Luigi Ghirri in Puglia)

di Antonio Devicienti Esiste nella mia biografia un elemento che considero naturale e indiscusso, originario e ovvio: la luce di Puglia (sia essa diurna che notturna) – ci sono nato completamente immerso, negli anni dell’infanzia (che poi solo successivamente sono … Continua a leggere

Pubblicato in Arte, Foto d'affezione | Contrassegnato | 3 commenti

Taccuino di Terra d’Otranto 5. Nel pozzo delle visioni

di Antonio Devicienti      Sule nìuru se ddhuma a sciroccu te la làmia:      scotinì fotià ston ìpono      pu Salentini Salentini ìmesta.     ‘Na casa subbra lu puzzu te li scursuni,      spiti atto noston.      (Tentativo di traduzione … Continua a leggere

Pubblicato in Culture e popoli | Contrassegnato | Lascia un commento

Taccuino di Terra d’Otranto 4. La luce

di Antonio Devicienti      Lasciato aperto sull’orlo della cisterna un libro. Sbattono i panni stesi al sole ad asciugare da muro a muro della corte. Ete cquài ca lucìsce la coscienza de quiddhu ca ‘a luce ète: mathrice de li … Continua a leggere

Pubblicato in Culture e popoli | Contrassegnato | Lascia un commento

Taccuino di Terra d’Otranto 3. L’albero

di Antonio Devicienti      Il pensiero deve essere ostinato come l’olivo che sopravvive alle calcinazioni della Canicola e alle erosioni della salsedine; malleabile come la pietra leccese che può essere lavorata in diecimila forme; tagliente come il filo e come … Continua a leggere

Pubblicato in Culture e popoli | Contrassegnato | Lascia un commento

Taccuino di Terra d’Otranto 2. Il mare

di Antonio Devicienti      Quel mattino le capre scesero per le rocce tra le scogliere di Leuca e s’immobilizzarono stregate dallo spazio marino, dilatato oltremisura.      Dove si congiungono la pietra e il mare è il luogo sacro e magico … Continua a leggere

Pubblicato in Culture e popoli | Contrassegnato | Lascia un commento

Taccuino di Terra d’Otranto 1. La pietra

di Antonio Devicienti      L’olivo segna la soglia, l’entratura, l’incominciamento. Un antichissimo recinto di muri a secco per le capre. La terra rossa. Sterpi adusti dalla Canicola.      Il labirinto non abbisogna di ciclopiche opre murarie. Basta la mente. La … Continua a leggere

Pubblicato in Culture e popoli | Contrassegnato | 1 commento

Luigi Ghirri e il sonno del viaggiatore

di Antonio Devicienti C’è questo autoritratto di Luigi Ghirri, c’è questa sala d’aspetto di una stazione di provincia, c’è questo abbandono pensoso del fotografo, questa sosta pronta a farsi di nuovo viaggio, c’è questa panca di legno e il tavolo … Continua a leggere

Pubblicato in Arte, Prosa | Contrassegnato | 1 commento

Breve saggio sulle terrazze salentine

di Antonio Devicienti Penso alle terrazze dei centri storici salentini, a quel mosaico di chianche, rialzi, muretti e parapetti, tettoie avventizie (dette suppinne), comignoli, fili tesi per stendervi il bucato, vasi di terracotta, pile e pileddhed i pietra escavata, bidoni … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Breve saggio di paesologia

di Antonio Devicienti La parola “saggio” possiede anche il significato di “prova” oppure vuol dire “esercizio, dimostrazione di” – in quest’esercizio di paesologia mi proverò, allora, a raccontare del mio paese natale scrivendo di luoghi altri da lui. La scienza … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Il Declaro, il gioco del calcinaccio, un carnevale di pietra, una città spaccata

di Antonio Devicienti Il Declaro: il 17 maggio 1991 un uomo alto e dinoccolato, folta la barba sul viso, vende per le strade di Lecce un foglio ciclostilato che si chiama Il quotidiano dei poeti. Lo stesso farà ogni giorno … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Kaiserpanorama

di Antonio Devicienti Es war ein großer Reiz der Reisebilder, die man im Kaiserpanorama fand, dass gleichviel galt, bei welchem man die Runde anfing. Denn weil die Schauwand mit den Sitzgelegenheiten davor im Kreis verlief, passierte jedes sämtliche Stationen, von … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | 1 commento

“Dḍa (m)mera”, ovvero della lontananza

di Antonio Devicienti Ad Antonio Prete, con un rinnovato “grazie” [A. D.] Il 15 marzo Antonio Prete conversa, a Fahrenheit di Radio 3, sul suo libro più recente, Carte d’amore(Bollati Boringhieri, Torino 2022); in fase di congedo la conduttrice gli chiede quale sia, nel suo dialetto, … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Banchi 7. In lode dell’inutilità della letteratura e della grammatica

di Antonio Devicienti  Ogni anno vedo i Romantici di Jena passeggiare sul prato davanti alla scuola dove insegno, di solito tra ottobre e novembre. Dopo le vacanze natalizie è Heine a sedere, avvoltolato in una pesantissima coperta di lana, su … Continua a leggere

Pubblicato in Banchi, a cura di Michele Ruele, Scolastica, Zibaldoni e altre meraviglie, a cura di Enrico De Vivo | Contrassegnato | Lascia un commento