Itali-eni 6. Chi è la malafemmena?

di Paolo Vincenti

« Femmena,
tu si ‘a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t’odio
nun te pozzo scurdà… »

(“Malafemmena”  Totò- Teddy Reno)

Dorian Gray

Uno sparo nella notte, nella sua stanza fatta a specchi, in cui si riflettevano le tante donne della vita di Dorian Gray. Predizione di morte. Nomen omen: che assurdo presagio in quello pseudonimo. Rotto ormai il patto con Venere e passata per sempre la stagione dell’amore, la stagione della belle vie, finito il tempo dell’incanto, quando lei, la malafemmena, entrava ogni notte nei bei sogni degli italiani, diavolo e acqua santa, angelo e tentazione, la dimenticata giovinezza di soprassalto, ecco, le gioca un macabro scherzo… e si rompono gli specchi che rimandano un’immagine sempre troppo deformata, sempre molto diversa da quella cercata, l’immagine di quell’unica donna mai trovata… un grido nelle “notti di Cabiria” rompe l’incanto, manda in frantumi quell’illusione di ieri, il sogno dell’eterna bellezza e la perduta giovinezza di soprassalto, ecco, le gioca l’ultimo scherzo. Nella sua casa arredata per piacere, Dorian Gray muore, e con lei se ne va l’ultima testimone di una dolce età, quella delle vacanze romane, del boom economico, miracolo italiano e prosperità,  quella delle procaci bellezze mediterranee e delle irresistibili tentazioni, delle decappottabili sulla strada per il mare… nella sua vita arredata per piacere, Dorian Gray muore… “ahhh dolce vita che se ne va, sul lungotevere in festa…”. Continua a leggere

Pubblicato in Itali-e-ni di Paolo Vincenti | Contrassegnato | Lascia un commento

Il sale della critica: la scrittura autobiografica in Mario Marti

di Gianluca Virgilio

Ha del miracoloso la fecondità del principe degli italianisti salentini e decano di quelli, suppongo, di tutta la Penisola, Mario Marti. A novantasette anni suonati, che saranno a maggio novantotto, egli ci regala – a distanza di tre anni dall’ultimo Su Dante e il suo tempo con altri scritti di italianistica, Galatina, Congedo, 2009 – un altro libro, che, come sempre, è una nuova ghiottoneria: Il trilinguismo delle lettere “italiane” e altri studi di italianistica, a cura di Marco Leone, Congedo Editore, 2012, pp. XII-168. Qui Marti nella composizione del libro si è fatto aiutare da Marco Leone, che firma l’Introduzione (pp. V-XI), nella quale il giovane ricercatore leccese riassume il contenuto dei singoli saggi.

Davanti al lettore appare subito, dunque, una sorta di lanx satura, un piatto ricolmo di primizie, ch’egli potrà delibare a piacere leggendo il volumetto, come sempre ben rilegato dall’editore Congedo di Galatina, che gli ha assegnato il numero XIX della collana Humanitas, collezione di studi e testi di Scienze Umane, curata dallo stesso Marti. In effetti, questo modo di offrire al lettore i risultati dei propri studi¸ raccolti a distanza di due, tre, quattro anni dal loro primo apparire, credo che sia una caratteristica dello studioso soletano (“Soleto, che, se non è il mio paese (di nascita), è sicuramente il paese mio (di parentela, di cuore, di ricordi)” p. 147). Anche in questo caso, come il lettore potrà evincere dalla Nota bibliografica posta in calce al libro, i quattordici saggi qui riuniti hanno visto la luce in riviste nazionali, come il “Giornale storico della letteratura italiana”, che continua ad essere condiretto da Marti, o locali, come “Apulia” del compianto Aldo Bello e “Alba Pratalia” di Rosario Jurlaro, o in altre sedi collettanee, in un arco di tempo che va dal 2009 al 2011, con l’eccezione del secondo saggio della raccolta, La Vita Nova di Guglielmo Gorni (pp. 25-35), che è del 1997. Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

 Notturno

 

 

di Antonio Prete

Ho carezzato, di notte, la scorza del tronco.

Il cielo è un coro di lumi:

il suo canto scivola sulle strade del mondo.

Gli uccelli sognano oceani.

Ora la terra ha un respiro affannato.

Nel secchio d’acqua gelata si fonde una stella.

Nel fogliame scuro le ombre  guizzano

come chimere assonnate.

[in Menhir, Donzelli 2007]

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

L’imago materna sepolta viva nelle opere di Edgar Allan Poe

di Adele Errico

Logorate dalla malattia e pallide come cadaveri, le donne protagoniste delle opere di Edgar Allan Poe sono esseri morenti e mortiferi che scatenano nel personaggio maschile allucinazioni violente e contaminano il quotidiano di inquietanti fantasie oniriche. Tali figure evocano un’immagine rimasta impressa negli occhi di un bambino: una giovane madre che muore in presenza del figlio di tre anni. Elizabeth Arnold, madre di Edgar Allan Poe, acclamata attrice dei teatri di Boston, a ventiquattro anni moriva di tubercolosi.

Secondo Marie Bonaparte – autrice di un monumentale studio su Poe intitolato Edgar Allan Poe: studio psicoanalitico – questo trauma infantile è la causa di un inconscio attaccamento alla figura materna che rende necessaria, per lo scrittore, la ricerca di donne che le somiglino nella prematura malattia. Questa ricerca ha luogo tanto nella vita reale quanto nella finzione poetica.

Berenice, Ligeia, Eleonora, Morella, Annabel Lee sono finzioni letterarie nelle quali sopravvive il ricordo della madre defunta, simulacri che preservano la sua immagine, pretesti per disegnare, ancora una volta, i tratti di quel volto ormai perduto. Il protagonista maschile dei racconti e delle poesie, narratore in prima persona, osserva atterrito il decadimento fisico di queste donne di straordinaria bellezza; la malattia rende la donna amata dal protagonista irriconoscibile e, quando la morte sopraggiunge, l’ombra di lei comincia ad ossessionarlo in sogno, nel vortice di angoscianti vertigini, non più come oggetto d’amore ma come fantasma che lo perseguita fino alla morte. Amore e morte si confondono in un contesto di atmosfere cupe e rarefatte dalle quali emerge l’ombra della madre che il figlio non è in grado di lasciare andare. Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Quello stupore che unisce la poesia alla scienza

di Antonio Errico

Disse una volta Albert Einstein che la più bella e profonda emozione che possiamo provare è il senso del mistero; sta qui il seme di ogni arte, di ogni vera scienza.
Non faceva distinzione fra l’arte e la scienza, Einstein, dunque. A queste due dimensioni dell’essere e del sapere attribuiva la funzione di rappresentare e di indagare il senso del mistero. Ma riteneva che tanto l’arte quanto la scienza trovano il loro principio in una emozione: in un sentire a volte, quasi sempre forse, indecifrabile, in uno stupore nei confronti di un fenomeno, di un elemento, in uno sbalordimento, un soprassalto del sentimento, in una vertigine che scompagina e confonde la visione delle cose, la logica apparente, i metodi di interpretazione. L’emozione è la conseguenza di un confronto non cercato con la bellezza del mondo, con l’ombra del tragico che lo attraversa, con la presenza o con l’assenza di manifestazioni che lo rivelino, con la prossimità e la lontananza, con l’ordinario e lo straordinario, con la percezione delle cose con cui ha avuto inizio, con l’immaginazione e l’ipotesi di quelle che potrebbero determinarne la fine.

L’arte e la scienza cominciano da lì, da quella emozione, e non si può dire, non si può sapere se non finiscano anche con un’altra emozione, con un altro soprassalto, un altro sbalordimento, un’altra vertigine, un altro stupore per la scoperta di qualcosa che c’era e che non si conosceva, per l’invenzione di qualcosa che non c’era e che è stata generato. Arte e scienza confessano, più o meno esplicitamente, l’infinitamente piccolo dell’umano davanti all’infinitamente grande del sovrumano.

L’una e l’altra si spauriscono pensando l’infinito. Poi, lo scienziato cerca di ricondurre lo spaurimento in una struttura logica che gli consenta di formulare delle risposte, il poeta si ferma all’interrogativo perché considera che la risposta all’interrogativo sull’origine e sulla funzione dei fenomeni sia costituita dai fenomeni stessi. Continua a leggere

Pubblicato in Prosa, Scienza | Lascia un commento

Sera ottobrina a Santa Maria al Bagno

Sera ottobrina a Santa Maria al Bagno (Lecce). Sul tramonto, in lontananza, le pendici del Pollino (Foto di Lisa Mirocleto).

Pubblicato in Foto d'affezione | Lascia un commento

Industria 4.0 e la polarizzazione regionale dei sistemi formativi

di Guglielmo Forges Davanzati

I processi di automazione e digitalizzazione dei processi produttivi sono alla base di quella che alcuni analisti definiscono – forse enfaticamente – quarta rivoluzione industriale. L’Italia arriva tardi (il c.d. Piano Calenda è del 2017, a fronte di una misura analoga attuata in Germania fin dal 2011) e ci arriva con una struttura produttiva fragile e resa ancora più tale dalla crisi e dalle errate risposte di politica economica (con perdita del 12% del Pil nell’ultimo decennio e del 25% della produzione industriale). Ci arriva anche non avendo attenuato il dualismo regionale che strutturalmente la caratterizza e che vede (poche) imprese di grandi dimensioni collocate lungo l’arco alpino in grado di innovare e di intercettare i cambiamenti tecnologici in atto a fronte di una pletora di imprese di piccole-medie dimensioni prevalentemente collocate al Sud, poco innovative e non pronte a utilizzare gli sgravi fiscali previsti dal Piano Calenda per l’ammodernamento degli impianti. Ci arriva anche senza una idea chiara su come incentivare le innovazioni, se si considera che – pure a fronte delle criticità del Piano Calenda – l’attuale Governo sembra muoversi in una direzione diversa, depotenziando gli strumenti previsti dal Governo precedente.

Queste criticità si riversano anche sul nuovo ruolo che la formazione è tenuta a svolgere. Ha ancora senso, almeno per le grandi imprese 4.0 che domandano lavoro 4.0, un’Università irrigidita da vincoli burocratici dei quali ai più sfugge il senso e articolata in settori disciplinari? Ha ancora senso l’ANVUR, l’agenzia nazionale di valutazione della ricerca, che, attraverso una valutazione che premia il conformismo (valutando la sede delle pubblicazioni, non il loro contenuto), accentua lo specialismo? Ha ancora, cioè, senso tutta l’eredità delle ultime continue riforme del sistema universitario italiano per la grande impresa che prova a intercettare i cambiamenti di Industria 4.0? Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Universitaria | Contrassegnato | Lascia un commento

Intitolazione dell’Auditorium del Liceo Statale “Girolamo Comi” a Donato Valli, 14 dicembre 2018

Pubblicato in Avvisi | Lascia un commento

Un’ammenda per un’ammenda

di  Evgenij Permjak

Un altro caso accadde con un sottufficiale di polizia. Diavolossaev riusciva a trovare il modo per contrastare ogni sopruso. Era molto abile a difendere un poveraccio dalla polizia.

Ascoltate…

Un larice dalle nostri parti viene considerato una pianta-regina. Ne crescono certi giganteschi che con uno solo è possibile costruirsi la metà di un’isba. L’unica cosa è che la scure dev’essere affilata spesso. Perché un larice è duro-duro, come una pietra. Però, per centocinquanta anni almeno, non viene intaccato né dall’umidità, né dalla muffa. Per la fila inferiore delle rotonde travi portanti, incastrate agli angoli dell’isba, un larice è la pianta perfetta! Non è necessaria una particolare accortezza: è sufficiente mettere queste travi direttamente sul terreno e la costruzione durerà a lungo, senza creare problemi agli abitanti della casa per molte  generazioni.

Pensò bene, quindi, un povero cristo – un operaio delle miniere d’oro – di sistemare sotto la sua vecchia isba una nuova fila inferiore di travi di larice. La faccenda accadde nei nostri vasti boschi di Tagil. Dunque, quest’uomo riuscì ad abbattere un larice, lo divise in ceppi da travi e caricò il tutto su un carro per portarlo via, ma ecco comparire una guardia forestale.

Arrivò e si mise a dire all’uomo che quel bosco apparteneva all’erario della corona e che senza il pagamento dell’ammenda, non lo avrebbe lasciato libero. L’ammenda era di una tale entità che, se anche il poveraccio avesse venduto ogni suo bene, non sarebbe bastato per coprire la metà della somma richiesta. In quegli anni le guardie forestali erano assai abili e svelte a multare esosamente. Una mano lavava l’altra, insieme alla polizia. Cinquanta copechi consegnavano all’erario e altri cento rubli se li mettevano in tasca. E così ingrassavano. Continua a leggere

Pubblicato in Favole, fiabe e racconti di Evgenij Permjak, I mille e un racconto | Contrassegnato | Lascia un commento

Quarta edizione della Biennale di Arte contemporanea SYNCRONICART

QUARTA EDIZIONE DELLA BIENNALE DI ARTE CONTEMPORANEA “SYNCRONICART”, A CURA DI RAFFAELE GEMMA, CHE CON LA ROTAZIONE DI SEDE TENDE A DIVENIRE BIENNALE DEL SALENTO. 16 GLI ARTISTI PARTECIPANTI CON 8 NUOVE PRESENZE: Lucio De Salvatore, Andrea De Simeis, Stefano Garrisi, Antonio Giaccari, Giovanni Gravante, Antonio Luceri, Andrea Merico, Maria Luce Musca, Ginella Orlando, Eva Orszagh, Luca Palma, Antonio Pede, Lorenzo Polimeno, Ezio Sanapo, Antonio Sciacca, Teresa Vella Ritorna Syncronicart (vernissage domenica 16 dicembre 2018 alle ore 19,30), la rassegna biennale di arte contemporanea giunta alla quarta edizione. Quest’anno si terrà nella splendida cornice del Palazzo Baronale Pignatelli-Gallone di Nociglia (LE), Continua a leggere

Pubblicato in Avvisi | Lascia un commento