Archivi tag: Adele Errico

Scuole chiuse e niente feste: ecco 5 libri da leggere ai tempi del Coronavirus

di Adele Errico La letteratura, si sa, non è roba per ragazzi o per adulti, non è roba per lettori o per scrittori. È roba per esseri umani, perché – come scrive Raymond Carver citando Čechov – siamo “creature di … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Vittorio Pagano, il poeta e la sua città

di Adele Errico Vittorio Pagano appartenne a Lecce e questa città appartenne a Vittorio Pagano. Totalmente, visceralmente. A Lecce nacque nel 1919 e a Lecce morì, sessant’anni dopo. Poeta dagli orizzonti europei e traduttore dalla sensibilità affiorante, a partire dagli … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

La Lecce di Vittorio Bodini: un progetto per riscoprire i luoghi del poeta salentino

di Adele Errico  “Questa strada sbilenca, traballante/ fu dunque la mia pelle, / pietre e lastrici umani/ di cui m’entrò nel sangue/ l’odore e la gaia tristezza”. Dalla strada sbilenca e traballante, Via De Angelis (oggi Via Carlo Russi), parte … Continua a leggere

Pubblicato in Avvisi | Contrassegnato | Lascia un commento

Nel paese della nostalgia: dialogo con Antonio Prete su “Tutto è sempre ora”

di Adele Errico La scrittura di Antonio Prete sa di nostalgia. Sa della dolcezza di un ricordo che, però, è pur sempre un ricordo, quindi appartiene ad una dimensione lontana ed è amaro, doloroso. La scrittura di Antonio Prete sa … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Lotta tra Eros e Thanatos nell’idea di maternità in Mentre morivo di Faulkner

di Adele Errico “Mi ricordavo di mio padre che diceva sempre che la ragione per cui si viveva era per prepararsi a restare morti tanto tempo”. Ai pensieri di Addie Bundren, in Mentre morivo di William Faulkner, è dedicato un … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Metamorfosi di un corpo in Miss Zilphia Gant di William Faulkner

di Adele Errico È caldo il Sud delle narrazioni di William Faulkner; è arso da una luce – come egli stesso affermava parlando del romanzo Luce d’agosto – “fulgida, nitida, come se venisse non dall’oggi ma dall’età classica”. Nei bagliori … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Voltarsi, perderti, per vivere ancora. Euridice di Roberto Vecchioni

di Adele Errico Con furia e dolcezza nella voce, canterà finché non avrà più fiato in gola. Canterà per un’umanità che insegue la vita pur consapevole che non si può trattenerla, per creature mortali che, destinate a diventare barlumi di … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa, Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Joyce e la rivoluzione del romanzo moderno

di Adele Errico In un libro intitolato “On writing. Autobiografia di un mestiere”, Stephen King racconta un curioso aneddoto su James Joyce: “Un giorno, andandolo a trovare, un amico lo avrebbe trovato riverso sullo scrittoio in un atteggiamento di profonda … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Il viaggio di espiazione della famiglia Bundren: Mentre morivo di William Faulkner

di Adele Errico Mentre morivo nasce tra le nere polveri e le caldaie roventi di una centrale elettrica. William Faulkner lo scrisse usando come tavolo una carriola capovolta quando faceva il turno di notte come fuochista presso l’Università di Oxford, … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

L’imago materna sepolta viva nelle opere di Edgar Allan Poe

di Adele Errico Logorate dalla malattia e pallide come cadaveri, le donne protagoniste delle opere di Edgar Allan Poe sono esseri morenti e mortiferi che scatenano nel personaggio maschile allucinazioni violente e contaminano il quotidiano di inquietanti fantasie oniriche. Tali … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento