Archivi tag: Walter Nardon

Da qualche parte là fuori

di Walter Nardon Si chiamava Carlo e lavorava alle poste. Se non fosse stato per due basette spropositate, la sua fama di persona seria sarebbe risultata pressoché invincibile, ma dato che nel taglio del viso e perfino nel colore dei … Continua a leggere

Pubblicato in I mille e un racconto, Racconti di Walter Nardon | Contrassegnato | Lascia un commento

Una selva di affetti

Senza salutare nessuno. Un ritorno in Istria di Silvia Dai Pra’ di Walter Nardon             Con una battuta riuscita, ma pressoché irriferibile, nella raccolta di saggi Tra parentesi Roberto Bolaño esprimeva le sue riserve nei confronti delle autobiografie, a meno … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Leggere. La stagione presente

di Walter Nardon             Dal tempo in cui abbiamo cominciato ad affidare alla scrittura il compito di conservare una serie di informazioni utili, la lettura è diventata un’operazione indispensabile per riconoscerci – quando leggiamo ciò che abbiamo scritto – e … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Settant’anni di letteratura. Su un libro di Matteo Marchesini

di Walter Nardon Uno dei pregi non secondari del libro Casa di carte. La letteratura italiana dal boom ai social di Matteo Marchesini (il Saggiatore, 2019) consiste nell’agilità con la quale supera un ostacolo oggi pressoché inevitabile in una raccolta … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Scrivere. Questioni preliminari

di Walter Nardon Nonostante sia un’affermazione da maneggiare con cura, è vero che si scrive per ragioni affettive, come si impara a rincorrere un pallone dopo averlo visto fare ai ragazzi più grandi. Tuttavia, per quanto l’emulazione spieghi uno dei … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Buone ragioni per leggere e scrivere

di Walter Nardon «Perché leggere e scrivere libri?» Davanti allo studente che pone questa domanda, la tentazione di rispondere in modo tradizionale è irresistibile: allungare il braccio sullo scaffale, prendere con cura il libro giusto dicendo «Qui c’è già tutto», … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Impertinenze: Martin Amis, L’attrito del tempo

di Walter Nardon In una pagina dell’autobiografia Esperienza (2000), Martin Amis ricorda che all’uscita del suo primo libro il romanziere Peter Prince gli dedicò una recensione poco benevola nella quale, fra i vari epiteti che gli aveva riservato, parlava di … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Tirare avanti a Firenze

di Walter Nardon «Devo accompagnare mia moglie a un convegno»: una frase che a sedici anni mi sarebbe sembrata una citazione da un telefilm americano e, poco più tardi, da qualche romanzo inglese sul mondo accademico, molto tempo dopo si … Continua a leggere

Pubblicato in I mille e un racconto | Contrassegnato | Lascia un commento

Nabokov in cattedra

di Walter Nardon La nuova traduzione delle Lezioni di letteratura di Vladimir Nabokov (Adelphi, 2018) rimette nelle mani dei lettori un volume che in Italia mancava da troppo tempo e che nel suo genere, per felicità di intuizione e memorabilità … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Due fratelli e la DDR. Su Fratello minore. Sorte, amori e pagine di Peter B. di Stefano Zangrando

di Walter Nardon A volte la foto di famiglia può risultare fuorviante. Lo scrittore e regista Peter Brasch aveva dieci anni meno di suo fratello Thomas, nato nel 1945, il prediletto (poeta, scrittore e regista, noto prima nella DDR e poi … Continua a leggere

Pubblicato in Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento