Archivi tag: Antonio Errico

L’inattualità in cui il reale si fa presente

di Antonio Errico Sul frontespizio del libro c’era scritto così: “Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi”. Il libro era “Dialoghi con Leuco”. Un capolavoro. Il libro che lui ebbe più caro. Le parole … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La crudele dolcezza della memoria

di Antonio Errico Più indietro di così, non poteva andare. Più dentro, più in fondo di così. Più che arrivare all’origine, al suo corpo, alla sua ombra, alla sua fantasima, alla sua dolcezza, alla sua paura, Carmen Gasparotto non poteva. … Continua a leggere

Pubblicato in Introduzioni, Prefazioni, Postfazioni | Contrassegnato | Lascia un commento

I resti di babele 10. Poche righe, come spiccioli

di Antonio Errico Mattino di maggio. Una piazza di paese. Rondini che si inseguono, che accerchiano il campanile. Seduto al tavolino di un bar, l’uomo pensa che gli piacerebbe scrivere lì. Ma non lo fa. L’uomo pensa che la scrittura … Continua a leggere

Pubblicato in I resti di Babele di Antonio Errico, Recensione | Contrassegnato | Lascia un commento

Serve memoria per essere artefici del futuro

di Antonio Errico Si dimentica tutto, o quasi tutto; si dimentica in fretta. Consapevolmente o senza rendersene conto.  Si dimentica anche quello che è accaduto poco tempo prima, pochi giorni prima. Così è come se quello che è accaduto non … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Le illusioni e la solitudine dell’uomo del Novecento

di Antonio  Errico Per anni uno pensa che “Sillabari” di Goffredo Parise sia il capolavoro del racconto breve italiano, del frammento narrativo che azzarda lo sconfinamento nei territori della poesia. Invece, all’improvviso, scopre che non è così. Lo scopre incontrando … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

Perché Camilleri ci manca così tanto

di Antonio  Errico Andrea Camilleri è stato uno di quegli intellettuali di cui si sente la mancanza. Come si sente la mancanza di Pier Paolo Pasolini, di Leonardo Sciascia. A un anno esatto da quando se n’è andato, la mancanza … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Necrologi, Commemorazioni e Ricordi | Contrassegnato | Lascia un commento

Responsabilità come tributo alla bellezza

di Antonio  Errico Renzo Piano è uomo antico e saggio. E’ antico perché ha conoscenza profonda, strutturata, sistematica, razionale,  sentimentale,  delle forme dei luoghi del tempo passato. E’ saggio perché quelle forme le sa elaborare in nuove visioni altrettanto sistematiche, … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La cultura è disorganica se perde la consistenza

di Antonio Errico Conosco un uomo che i classici greci e latini li cita a memoria anche se gli studi di scuola superiore e di università li ha conclusi da qualche decennio. Non solo: conosce ancora perfettamente grammatica e sintassi … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Letteratura del Salento tra realtà e nostalgia

di Antonio  Errico Nelle prime righe di “Sono apparso alla Madonna, Carmelo Bene scriveva che vi è una nostalgia delle cose che non ebbero mai un cominciamento. “Affondare la propria origine –non necessariamente connessa alla nascita- in Terra d’Otranto è … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Gli 80 anni di Guccini e il mito dei cantautori

 di Antonio Errico Venne da queste parti, una volta, Francesco Guccini:  a Serrano, a ritirare il premio dell’olio della poesia. Era il Duemilauno. Una sera di giugno che l’afa ristagnava. Si andava per i vicoli di Otranto e lui raccontava … Continua a leggere

Pubblicato in Musica, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento