Archivi tag: Antonio Errico

Riscoprire la bellezza di un paese a Sud del Sud

di Antonio Errico FAI d’autunno. Oggi. Luoghi da scoprire. Da riscoprire. Se non è possibile anche solo da pensare, da ricordare, immaginare. Un luogo in cui tornare, in cui riavvolgere il tempo, dove sentire anche un poco di dolciastra nostalgia. … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La solitudine dell’uomo senza letteratura

di Antonio Errico Dice di essere una contastorie, di credere nel potere delle storie, nella magia delle parole, perché le parole creano connessioni, ci rendono più consapevoli, più umani, più compassionevoli. Dice che i libri possono guidarci, ispirarci, svegliarci; a … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La letteratura per comprendere la profondità del Novecento

di Antonio Errico Nelle prime righe del prologo delle “Storie di Giacobbe”, Thomas Mann fa esplodere, come una mina, questa affermazione e questa domanda: “Profondo è il pozzo del passato. Non dovremmo dirlo insondabile?”. Forse non tutto il passato ha … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Tra presente e futuro l’appartenenza al Salento

di Antonio  Errico Nelle ultime sei righe de “L’Artefice”, Jorge Luis Borges dice di un uomo che si propone il compito di disegnare il mondo. “Trascorrendo gli anni, popola uno spazio con immagini di province, di regni, di montagne, di … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Autunno, ponte sospeso tra memoria e speranza

 di Antonio Errico Autunno era la stagione degli aquiloni. Era il tempo del vento che ci voleva, che non tirava forte, che non strappava. Era il tempo della luce giusta, che non abbagliava. Così si poteva  seguire il movimento, l’ondulazione leggera … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

La gratitudine può salvare questo mondo

di Antonio Errico In una intervista al “ Messaggero”, la scrittrice francese Delphine De Vigan ha detto così: “Penso che tutti proviamo gratitudine. E’ una sensazione molto forte, molto potente. Esprimere gratitudine significa ammettere che hai bisogno degli altri. Ma … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Nell’armonia del latino si ritrova la delicatezza della lingua

di Antonio  Errico “Sto rileggendo Seneca”, mi dice. “Non so per quale motivo mi succede, ma ogni volta che l’estate comincia a declinare, mi viene il desiderio di riprendere le lettere a Lucilio”. Così mi dice. “Le leggo in latino … Continua a leggere

Pubblicato in Linguistica, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Con settembre la vita reale oltre i sogni della vacanza

di Antonio Errico L’anno che corre finirà fra qualche ora. Fra qualche ora  comincerà un anno nuovo. Il primo di settembre è sempre l’inizio di un anno nuovo. Poi, si sa, gli anni che vanno e che vengono non sono … Continua a leggere

Pubblicato in Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento

Quel Salento tra memoria, mito e suggestione

di Antonio  Errico C’è un punto del tempo in cui un libro comincia ad essere considerato un classico. A volte si riesce a capire quale sia il motivo; qualche volta il motivo resta  misterioso. Ma da quel punto del tempo  … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura | Contrassegnato | Lascia un commento

L’inattualità in cui il reale si fa presente

di Antonio Errico Sul frontespizio del libro c’era scritto così: “Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi”. Il libro era “Dialoghi con Leuco”. Un capolavoro. Il libro che lui ebbe più caro. Le parole … Continua a leggere

Pubblicato in Letteratura, Prosa | Contrassegnato | Lascia un commento