Archivi categoria: Poesia

Corso abilitante

di Gianluca Virgilio Da quale contrada provengono gli occhi tuoi geminati, i tuoi poliptotici capelli, i seni iperbolici che s’innalzano sulla callidissima iunctura delle tue omoteleutiche gambe? Oh, i tuoi fianchi iperbatici! L’ipotiposi del tuo corpo rimarrà sempre con me, amica mia, e nessuna recusatio potrà convincermi delle tue timide litoti. Di nuovo, … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Alfabeto

di Antonio Prete Scrivere la vita o viverla, vuota disgiunzione, è lei che si scrive sulla  pelle, con tatuaggi e ferite, oppure qualche volta accade che le lettere dell’ alfabeto appaiano sul corpo come tante piccole stelle nelle sere d’inverno  … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

L’origine

di Antonio Prete Tutti quei soli scagliati come semi in un cielo che non era ancora cielo, in un’aria che non aveva la luce  dell’aria, tutto quel fuoco e  quel ghiaccio che era nascita, cuore di pietra nella nascita, quella … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Su una foto di mia madre

di Antonio Prete Sulle labbra il riflesso di un sorriso trattenuto nel chiuso dei pensieri, una dolcezza intorno che è linea e forma del viso. Il ricamo bianco di trina dalle spalle scende sul petto spargendo fiori sulla fiorata veste. … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Il poeta e il professore

di Gianluca Virgilio La poesia giunge nell’ora di ricevimento, quando ritarda l’ultimo zelante genitore, oppure sta nelle pieghe d’un sonnolento corso d’aggiornamento. L’ho vista venire in un consiglio di classe nascosta tra varie ed eventuali, o mentre di fuori la … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

La partenza

di Antonio Prete La buganvillea,  mia madre al cancello, un addio ch’era vento, sole nel vento, il viso stellato dal pianto e dal sorriso, l’agave in fiore, gli alberi vuoti di pensieri, inerti, era svellere il sasso dalla terra, rubare … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Santa Maria al Bagno

di Gianluca Virgilio Svegliarsi al mattino sotto il cielo più terso dell’estate…! Tra cielo e terra è l’orizzonte spezzato dal volo dei gabbiani. Al di là si bagnano ancora cavalli sudati e popolani urlanti giunti dalla campagna infuocata: dall’alto li … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

La stella

di Antonio Prete Sfrangiate, con l’addio, le tue postille nell’acqua opaca delle stagioni. Lungo il dirupo della lontananza è naufragato il tu dei nostri silenzi. Eppure non un istante è passato se contemplo nella notte d’inverno Betelgeuse, ricordi, la tua … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Marina

di Antonio Prete Il tempo, sulla riva, è selce, è alga, orlo d’anfora, scheggia di conchiglia, frammento d’osso, polvere di vita, vento d’onda che fruga nello scoglio, è quieta ombra che plana sulla sabbia. Lontano, il lampo d’una cresta in … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento

Claudia Mesar-lì

di Maurizio Nocera Soli siamo ora,soli e soli terribilmentenella rete del ragno che ci morde,dentro l’orizzonte di sangue raggrumatodi un cielo a lutto vestito.Nottule disperate la testa divorano.Sorpresi e con gli occhi del marepiogge d’autunno attendiamocostretti nella morsa di orribili … Continua a leggere

Pubblicato in Poesia | Contrassegnato | Lascia un commento