Un libro per l’estate 6. “Moby Dick o la Balena” di Melville e il luccichio “delle cose lontane”

Ed anche Ismaele, il narratore – colui che, nelle prime due parole del capolavoro di Melville, si rivolge al lettore, risucchiandolo, con disarmante semplicità, nella furia del romanzo – si imbarca con Achab per la burrascosa voglia di andare per mare. Per placare un desiderio profondo, per cacciare la malinconia e calmare la smania di vivere. Per questo Achab dà la caccia alla Balena e Ismaele si mette per mare: perché tormentati da una “smania sempiterna per le cose lontane”. Lontane, luccicanti, irraggiungibili. E più lontano del mare, su questa nostra Terra, non c’è nulla.

[“Leccenews24”, 12 agosto 2021]

Questa voce è stata pubblicata in Letteratura, Un libro per l'estate di Adele Errico e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *